In questa guida spieghiamo come scegliere il migliore scaldavivande da tavolo.

Gli scaldavivande da tavolo hanno solitamente dimensioni maggiori rispetto a quelli da trasporto e garantiscono anche una maggiore potenza. Questi dispositivi sono particolarmente utili per mantenere caldo il cibo che è stato cucinato per diversi minuti.

Come Scegliere Scaldavivande da Tavolo

Lo scaldavivande da tavolo è la soluzione per non alzarti ad ogni cambio di portata, e mantenere calde le pietanze.  Sono disponibili tanti tipi, da quello comodo e sbrigativo per un pranzo al volo, a quello d’arredo da sfoggiare se hai ospiti a cena. Vediamo come scegliere uno scaldavivande da tavolo.

Scaldavivande da tavolo in acciaio
Lo scaldavivande da tavolo in acciaio inox è un elettrodomestico semplice ed efficace. Lo puoi usare sul tavolo della cucina, come su quello da pranzo per la cena in famiglia, collegandolo ad una presa elettrica per elettrodomestici. Questo scaldavivande raggiunge la temperatura ideale in pochi minuti, grazie ad una resistenza la cui potenza si aggira intorno ai 1000 watt, ed è dotato di starter termostatico. La struttura è lineare, con un vano che contiene le resistenze, chiuso da un coperchio di acciaio inox che fa da vassoio scaldavivande, sul quale puoi poggiare agevolmente due contenitori, che siano piatti o terrine, a tuo piacere. I piedi sono utili con la struttura e sono in materiale plastico resistente al calore, mentre il vassoio può essere tolto e lavato in lavastoviglie. Il potere scaldante di questo scaldavivande da tavolo è molto alto e in alcuni modelli anche regolabile.

Scaldavivande da tavolo pietra lavica
Lo scaldavivande da tavolo in pietra lavica lo puoi usare ovunque, anche dove la corrente elettrica non arriva. La sua struttura è poggiata su un vassoio di contenimento che fa da base al resto dell’impalcatura, e, sempre sul vassoio, devi poggiare i due fornellini a spirito, che serviranno a mantenere caldo il piano in pietra. Questo, invece, va appoggiato sulla parte superiore dell’impalcatura in modo da poter essere lambito dalle fiamme dei bruciatori, ed è realizzato con un pezzo di pietra lavica, levigato a vetro senza piombatura. La sua parte superiore presenta una scanalatura pronunciata, scavata ad un paio di centimetri dal bordo esterno, che serve a raccogliere gli umori dei cibi che, in questo scaldavivande da tavolo, vanno poggiati direttamente sulla pietra. I fornellini invece, in acciaio inox robusto, hanno un coperchio regola fiamma, e puoi riempirli con un combustibile atossico e inodore, come l’alcool denaturato o il kerosene purificato. Tutti pezzi della struttura, tranne i bruciatori, possono essere lavati in lavastoviglie, e il potenziale termico di questo scaldavivande da tavolo è molto buono.

Scaldavivande da tavolo a lumini
Decisamente essenziale, ma ricco di fascino, è lo scaldavivande da tavolo a lumini. Si tratta di un vassoio contenitore in ghisa, o in ferro smaltato, sollevato con dei piedini in ferro o in porcellana. Dentro il vassoio devi mettere dei lumini di cera, che trovi facilmente anche nei supermercati, contenuti nei bicchierini di stagnola, e che hanno una durata anche di tre ore. Appena accesi li devi coprire con il vassoio scaldavivande che, in questo caso, è forato, per consentire il passaggio dell’ossigeno che alimenta la fiamma. Questo scaldavivande da tavolo non ha una potenza calorica eccessiva, ma è in grado di tenere calda una cioccolatiera, o un ponce, oppure una terrina con un intingolo da mettere sui secondi piatti, o delle erbe aromatiche da carbonizzare lentamente. Risulta essere ottimo per una cenetta a lume di candela, anche grazie all’effetto seducente delle ombre, proiettate dai lumini che bruciano sotto la griglia forata.

Scaldavivande da tavolo ad acqua
Lo scaldavivande da tavolo ad acqua è la copia ridotta degli scaldavivande professionali da rosticceria, ed è altrettanto valido e funzionale. Il principio infatti è quello dei vassoi contenitori immersi in acqua calda, per mantenere il cibo ad una temperatura intorno a 30 gradi. La struttura è composta da vari pezzi, di cui il principale è proprio il recipiente bollitore con la resistenza e l’acqua. In alcuni scaldavivande troverai un solo contenitore con la resistenza direttamente immersa nell’acqua, in altri invece la resistenza è separata dal liquido da una piastra radiante. Questa seconda versione, decisamente più sicura, funzionale e resistente, raggiunge la temperatura d’esercizio più lentamente, ma rimane calda più a lungo. Sia nella prima versione, che nella seconda, ti troverai a appoggiare sul tavolo una bacinella piena d’acqua, mantenuta calda dalla resistenza, e dentro la quale navigheranno i contenitori con il cibo. Tutto il materiale di questo scaldavivande da tavolo è in acciaio inox, tranne che per i manici e i piedi che sono in plastica resistente. La presenza di una presa di corrente elettrica, nei pressi del tavolo dove è poggiato lo scaldavivande, è indispensabile.

Scaldavivande da tavolo con raggi
Lo scaldavivande da tavolo a raggi infrarossi è estremamente comodo e leggero. Ne puoi trovare di diverse lunghezze, in base alle tue esigenze, dagli 80 centimetri fino a due metri, per una larghezza pari ad un piatto, quindi tra i 40 e i 50 centimetri. L’altezza è quella standard, stabilita dalla potenza delle lampade a raggi infrarossi, che vengono sospese sulle vivande con un paio di cavalletti di alluminio anodizzato o di acciaio inox. Le lampade sono inserite in un portalampade oblungo a parabola, in modo da concentrare i raggi direttamente sul cibo, mentre l’accensione è regolabile secondo il grado di temperatura richiesto. Questo scaldavivande da tavolo è molto funzionale, ma puoi ottenere il massimo del suo effetto solo se ci metti sotto dei piatti o delle tazze, in vetro o in ceramica, mentre per le pentole non va altrettanto bene.

Recensioni Scaldavivande da Tavolo

Nelle recensioni pubblicate è possibile leggere informazioni dettagliate sulle caratteristiche dei vari scaldavivande da tavolo, in modo da potere scegliere quello che risulta essere più adatto per le proprie esigenze.

Tristar BP-2979 – Recensione e Opinioni- In questa recensione valutiamo lo scaldavivande Tristar BP-2979, prodotto del quale analizziamo le caratteristiche principali e sul quale forniamo la nostra opinione. Lo scaldavivande Tristar BP-2979 è un prodotto molto versatile, che si può usare sia in ufficio che in casa. Il punto di forza è che lo scaldavivande studiato da Tristar ha tre scomparti richiudibili,...
Mastrad F04100 – Recensione e Opinioni- Oggi valutiamo le caratteristiche dello scaldavivande Mastrad F04100, analizzando quelli che sono i principali punti di forza e punti deboli di questo dispositivo. Il piatto riscaldante Mastrad F04100 è un oggetto che consente di tenere caldo il cibo appena cucinato. Il piatto si inserisce insieme al cibo riposto in un contenitore apposito, una volta messo il cibo e...
Unold 58815 – Recensione e Opinioni- In questa recensione valutiamo lo scaldavivande Unold 58815 analizzando quali sono i principali vantaggi e svantaggi di questo dispositivo. La piastra riscaldante Unold 58815 è l’ideale per chi abita da solo e ha la necessità di scaldare velocemente del cibo preparato in precedenza, senza per questo perdere tempo per sgrassarla una volta utilizzato questo scaldavivande. Il...
Brabantia 477102 – Recensione e Opinioni- Lo scaldavivande casalingo a due candele Brabantia 477102 è uno strumento indispensabile per scaldare i cibi a una temperatura prestabilita senza consumare corrente elettrica e senza utilizzare il forno della cucina. Lo scaldavivande è studiato per riscaldare più cibi contemporaneamente, semplicemente inserendoli uno sopra l’altro sul ripiano della griglia in acciaio inox. La griglia non...

Scaldavivande da Tavolo più Venduti

Per concludere proponiamo una lista degli scaldavivande da tavolo più venduti online in questo periodo con il relativo prezzo.

Cliccando sui prodotti presenti nella lista è possibile leggere le opinioni dei clienti.